fbpx

Fontina: cresce la richiesta di forme tagliate e confezionate

Martedì 7 maggio si è riunita l’assemblea della Cooperativa produttori Latte e Fontina, per l’approvazione e del Bilancio 2018 e il rinnovo delle cariche direttive.

Un’approvazione unanime per un bilancio che presenta un calo finanziario dell’1,97% rispetto al 2017 e pareggia au 18.592.963 euro). Tuttavia sono stati incrementati di 0,30€/kg i prezzi di conguaglio corrisposti ai soci per la Fontina Dop, pagata 7,57 €/kg per la produzione invernale e quella estiva di latteria e 7,78 €/kg per quella d’alpeggio.
È proseguita, nel 2018, l’azione di promozione della qualità, attribuendo premi o penalizzazioni sulla base del prodotto conferito, sino a un massimo di 0,90 €/kg.
La produzione della Fontina Dop è aumentata di 1.896 forme.
Incrementata la richiesta di prodotto porzionato e confezionato: oltre 71mila forme vendute con questa modalità. Un quantitativo che si stima aumenterà di altre 10mila forme, nel 2019, grazie all’accordo firmato con McDonalds (che varrà circa un milione di euro).
Il mercato estero genera il 15% del fatturato, per il 50% destinato agli Stati Uniti. Residuale l’esportazione dì prossimità. "Il 2018 - ha annunciato il presidente uscente, Mauro Trèves - è l’ultimo anno con incidenza importante dei costi di ammortamento degli investimenti. Già rispetto all’esercizio precedente l’esposizione complessiva è diminuita di oltre l’8%".
Ha poi aggiunto che sono iniziati i lavori di riqualificazione del magazzino di Issogne, che comporteranno una spesa di poco inferiore ai 600mila euro.

L’Assemblea è poi passata alla fase elettiva, definendo i compensi degli amministratori: 1.860 euro lordi mensili per il presidente del CdA, 77 euro lordi ai componenti del Consiglio d’Amministrazione per ogni riunione.
Sono state dunque aperte le urne, chiuse alle 12.30, quando è stato avviato lo spoglio dei voti.
50 schede valide e sono risultati eletti: Mauro Trèves con 45 voti, Luri Brunet con 42, Attilio Yeuilla con 41, Sisto Persod con 36, Piero Jocallaz con 33, Fulvio Viérin con 32, Piero Cuaz con 30, Davide Squinabol con 29, Fabrizio Chenal e Corrado Lillaz con 28, Romano Gerbore con 27, Tiziana Chabloz Mussi con 25, Elmo Chéraz e Maurizio Dalbard con 23, Italo Diémoz con 22, Marino Denarier con 21, Laurent Joux con 16 e Gilberto Mrcoz con 14.
Ora il CdA dovrà riunirsi per eleggere al proprio interno il presidente e i componenti del direttivo.