fbpx

Bobine

Bertin e Minelli propongono accordo a termine per punti ma rischiano l'estromissione da IC

Nel pomeriggio di lunedì 3 dicembre, si è riunito il Gruppo consiliare allargato di Impegno civico, che ha sancito l'epilogo di questa esperienza nata con le elezioni politiche del 4 marzo.

Al termine, i consiglieri Alberto Bertin e Chiara Minelli hanno diramato una nota congiunta.

La proposta Bertin-Minelli
Dopo una premessa rispetto alla situazione attuale e al contesto, scrivono: "In questa situazione (...), ci assumiamo la responsabilità di fare una proposta. Non si tratta secondo noi di aderire ad una maggioranza con la Lega, con l'Uv o con chicchessia, ma di proporre uno scenario diverso. Proponiamo dunque un Accordo a Termine per Punti, una convergenza fra alcuni Gruppi consiliari per realizzare in un tempo definito, 14/16 mesi, e con un articolato e stringente cronoprogramma, una serie di riforme e di atti rilevanti e qualificanti nell'interesse di tutta la comunità e di cui si conviene una inderogabile urgenza. Al termine di questo periodo ci dovrà essere una verifica sui risultati raggiunti".
Non un governo di legislatura ma un accordo "per amministrare, legiferare e realizzare alcune riforme fondamentali". Ma dopo i 14/16 mesi? "Si potrà anche tornare a votare, ma con sistemi completamente diversi, che assicurino la presenza di una maggioranza stabile appena terminato lo scrutinio del voto".
Questi i temi: "Al centro della proposta mettiamo una azione incisiva di sostegno all'economia, di crescita dell'occupazione, di contrasto alla povertà, di accoglienza, di nuove politiche in campo sanitario, ambientale e sul versante della mobilità sostenibile. Pensiamo anche a riforme fondamentali come quelle sul sistema elettorale e istituzionale, in modo da introdurre meccanismi che consentano agli elettori di scegliere direttamente chi governa".
Bertin e Minelli hanno predisposto un elenco di venti punti che sottoporranno all'attenzione degli interlocutori. Chiederanno anche che il Governo che fosse nominato "manifesti nella sua composizione elementi visibili dell'impegno ad aprire una fase ed una stagione politica nuove. Dovrà perciò essere evidente il passo indietro dei partiti nella corsa verso l'occupazione degli incarichi di governo e la volontà di evitare la riproposizione di assessori di lungo corso. Questo si potrà fare con un esecutivo snello e la presenza di alcune figure esterne decise concordemente e scelte fra persone di particolare competenza".
I riscontri alla loro proposta saranno portati all'Assemblea di Impegno Civico, la cui data deve ancora essere calendarizzata.

I punti di Bertin e Minelli 
1- Approvazione del Defr e del Bilancio di previsione 2019-2021 (con le necessarie modifiche)
2-Normativa elettorale. Approvazione immediata di una legge di riforma intervenendo soprattutto su tre aspetti: -confermare il sistema di scrutinio dei voti centralizzato in quattro poli; preferenza unica, con possibilità di esprimere una seconda preferenza solo se di genere diverso; presenza in lista di almeno il 40% di ognuno dei due generi.
3-Contrasto alla povertà (uguaglianza). Integrare le politiche sociali con le politiche attive del lavoro valorizzando la rete dei soggetti del Terzo Settore, implementando le opportunità offerte dalla recente riforma nazionale. Riforma dell’ISEE per approdare ad un ISEE-Regionaleriparametrato attraverso soglie e criteri più adatti alla realtà valdostana di montagna e più equo dal punto di vista fiscale. Riformare la legge n.18/2015 “Reddito di inclusione e solidarietà” in funzione dell’introduzione del reddito di cittadinanza per intervenire sulla povertà assoluta, sulla povertà educativa e minorile e sui nuovi bisogni sociali emergenti.
4-Lavoro. Riesaminare e potenziare gli incentivi esistenti a favore delle PMI e adottare un provvedimento urgente che introduca un’agevolazione, in regime di compensazione fiscale, per le aziende che assumono personale dipendente a tempo indeterminato o con contratto di apprendistato,sulla base di un piano di espansione della forza lavoro, e per le imprese che investono gli utili per intraprendere percorsi di sviluppo e innovazione sul capitale umano, capitale sociale e capitalefisso. Particolare attenzione andrà concentrata su quelle imprese che hanno un più alto indice di posti di lavoro per unità di fatturato. Istituzione dell’Agenzia del Lavoro.
5-Industria e economia. Riformare la legge regionale sulla cooperazione e l’impresa sociale per recepire e potenziare la riforma del Terzo Settore sul piano dello sviluppo di una economia civile no-profit moderna. Un piano per la riduzione degli oneri economici, burocratici e autorizzativi per il piccolo e medio commercio.
6- Sistema di accoglienza regionale. Ripresentare e sostenere con fondi propri la progettualità UE-FAMI (Fondo Asilo, Migrazioni e Integrazione) per il sostegno alle “Reti locali e regionali per l'integrazione di cittadini di Paesi terzi”.  Progettare un sistema di accoglienza “regionale” dei richiedenti asilo (quelli rimasti dallo scellerato decreto Salvini) con la collaborazione dei comuni valdostani su base progettuale.
7-Sanità. Stabilire interventi per invertire il trend della preoccupante mobilità in uscita delle diverse professionalità medico-sanitarie presenti all'interno dell'azienda USL. Fattibilità della realizzazione di un nuovo e unico presidio ospedaliero a servizio del territorio regionale.
8-Ferrovia. Approvare entro due mesi il “Programma strategico di interventi per la ferrovia” ai sensi della legge regionale n.22/2016 che prevede l'elettrificazione della linea Ivrea-Aosta e la sua velocizzazione. Definire rapidamente le intese con RFI e Regione Piemonte per l'affidamento entro tre mesi dell'incarico di progettazione definitiva dell'elettrificazione della tratta Ivrea-Aosta. Acquisizione entro tre mesi degli studi sulla portata assiale della Aosta-Pré-Saint-Didier e della opzione migliore per il collegamento con Courmayeur, tempestivo esame dei due studi.
9-Gestione rifiuti. Promuovere con maggiore forza una politica basata sulla strategia rifiuti zero con un atto amministrativo che detti i seguenti indirizzi: -uniformare il sistema di raccolta dei Rifiuti adottando il Porta a Porta su tutto il territorio regionale; -modulare le tariffe di conferimento pagate dai SubAto al centro di Brissogne in funzione della qualità, in modo da premiare le Unité che conferiscono ottimo materiale differenziato e penalizzare quelle poco virtuose; -adottare la tariffa puntuale per gli utenti (paghi per quanto indifferenziato secco non riciclabile produci).
10 -Agricoltura. In tempi di ristrettezze finanziarie, di prezzi fermi e di costi crescenti, di cambiamenti dei consumi e stili di vita, occorre puntare su obiettivi precisi. Dovranno essere adottati i seguenti "Indirizzi per l'agricoltura di montagna": sburocratizzazione, valorizzazione del prodotto/territorio/produttore; riconoscimento del ruolo dell'agricoltura per il mantenimento del paesaggio; facilitazione delle attività di integrazione e diversificazione del reddito. 
11-Cva. Sospensione dell'iter della quotazione in Borsa di Cva in attesa di una decisione definitiva con il Referendum consultivo. Assegnazione a CVA di un ruolo primario nella transizione energetica a livello regionale.
12- Ambiente. Nell'ambito di una strategia di tutela dei beni comuni e di contrasto al riscaldamento globale, si dovrà operare per:






    • Approvare il Piano di Tutela delle Acque per la salvaguardia dei torrenti montagna;





    • Portare a sistema la gestione delle aree protette presenti sul territorio regionale, valutando in occasione del trentennale del Parco regionale del Mont Avic la trasformazione in Parco regionale diffuso della Valle d'Aosta, con il compito anche di porre le basi affinché sia riconosciuto il valore economico dei servizi ecosistemici offerti dalla montagna all'intera collettività





    • avviare un percorso per la certificazione della Valle d'Aosta quale regione a emissioni zero di CO2, che ponga precisi obiettivi di riduzione delle emissioni su scala locale e precisi requisiti di contenimento dei consumi energetici a fronte di ogni nuovo investimento, specie se pubblico;





    • rendere la Valle d'Aosta libera da fonti fossili entro il 2040, sulla base di una progressione di interventi che inizi dall'elettrificazione della ferrovia, passi per la mobilità elettrica, l'efficienza energetica degli edifici, la promozione di un'agricoltura sempre meno dipendente dalla chimica. 



 


13- Turismo. Il perseguimento dell'obiettivo di fare turismo tutto l'anno in tutta la Regione nel segno della sostenibilità dovrà comprendere:






    • la messa a regime dell'offerta escursionistica e di scoperta "Cammino Balteo"





    • l'assunzione operativa della regia per la realizzazione della Ciclovia Baltea





    • lo studio del prodotto "Châteaux de la 





    • gli interventi per l'ammodernamento degli esistenti comprensori sciistici con la contemporanea messa a punto di un'offerta inverno complementare rivolta a tutti coloro che frequentano la montagna ma non le piste da sci.



14-Edilizia scolastica. Intervenire sulle situazioni critiche di Aosta e Pont-Saint-Martin. Ad Aosta occorre proseguire nell'approfondimento della tematica relativa all'ipotizzata nuova scuola in regione Tsamberlet e nella ricerca di una alternativa a tale costruzione. A Pont-Saint-Martin realizzare la scuola provvisoria di emergenza. Inoltre occorre intervenire sul piano normativo per una apposita Legge regionale che agevoli gli interventi di messa in sicurezza di tutti gli edifici scolastici pubblici.
15-Trenino di Cogne. Predisporre un Avviso pubblico internazionale per verificare se esiste la disponibilità di un operatore turistico internazionale di intervenire per sistemare e poi gestire la tratta ferroviaria Cogne - Acque Fredde con una concessione trentennale.
16-Casinò di Saint-Vincent. Evitare il fallimento dell'azienda, senza ulteriori interventi finanziari della Regione. Sviluppare le potenzialità del complesso alberghi-centro congressi-centro benessere,anche dotandosi di un'apposita struttura e strategia commerciale. Avviare le procedure per un bando internazionale di ricerca di una società privata a cui affidare la gestione.
17-Nomine, Società partecipate e Legalità. Approvazione di una normativa che disciplini le nomine nelle società partecipate e che rafforzi la trasparenza e la competenza. Istituzione, presso il Consiglio regionale, dell'Osservatorio permanente sulle associazioni criminali di tipo mafioso, al fine di favorire la prevenzione e la repressione del crimine organizzato attraverso la conoscenza, il monitoraggio e lo scambio di informazioni sulle infiltrazioni malavitose nel tessuto sociale e produttivo valdostano.
18- Scuola e Università. Si dovrà operare per incrementare le risorse da destinare alla scuola pubblica e per organizzare un sistema che preveda la partecipazione attiva degli insegnanti nei processi decisionali. Si dovranno altresì mettere in campo azioni per contrastare l'abbandono e la dispersione scolastica. Occorrerà definire nuove Linee di orientamento per l'Università della Valle d'Aosta e provvedere ad una revisione/implementazione della sua offerta formativa. Per dare stabilità e prospettive, occorre modificare lo Statuto e l'intero sistema di “governance; andrà rivista la composizione dell'attuale consiglio di amministrazione.
19- Riduzione costi della politica. Approvazione di una legge di pochi articoli che abolisce la diaria, rimodula l'indennità di carica dei consiglieri regionali, riduca sia le indennità di funzione sia il numero di persone che attualmente ne hanno diritto.
20- Funzionamento del Consiglio regionale. Occorre affrontare il problema della funzionalità dei lavori del Consiglio disciplinando meglio la loro organizzazione. Ampliare il ruolo propositivo dei consiglieri prevedendo anche per loro la possibilità di formulare e depositare all'esame delle Commissioni e dell'Aula proposte di atti amministrativi di competenza del Consiglio. Cercare soluzioni per l'attuale mancanza di tutela legale per l'attività ed i voti espressi in Consiglio.
Per superare l'attuale situazione di costante instabilità politica occorrerà una riforma istituzionale che permetta agli elettori di scegliere direttamente chi governa, come avviene in tutte le altre Regioni

La replica di Pulz
Una posizione inaccettabile per Daria Pulz, Jeanne Cheillon, Carola Carpinello e Alexandre Glarey, che hanno replicato ad Alberto Bertin, Chiara Minelli, Andrea Padovani, Marcello Dondeynaz ed Elio Riccarand: "abbiamo preso atto, a malincuore e nostro malgrado, dell'accanimento con cui una parte di IC, capeggiata da Elio Riccarand, continua a tentare di entrare in maggioranza, con chiunque. Per mesi, la corrente di Riccarand ha provato a promuovere l'ipotesi del contratto di governo con la Lega di Salvini e, solo grazie all'opposizione di una parte importante di IC, questa vergogna è stata evitata. Ora Riccarand e i suoi consiglieri, dopo una settimana di trattative non autorizzate dagli organi di IC con Rollandin, Chatrian e altri pezzi del vecchio sistema di potere valdostano, provano a rilanciare proponendo a tutti i consiglieri – leghisti e unionisti compresi – un contratto di governo su 20 punti".
Inaccettabile: "Denunciamo il fatto che questa proposta non è stata approvata né dal GAC, né dall'assemblea di IC. Evidenziamo che tra questi punti ci sono questioni mai toccate da IC, come il trenino di Cogne, residuo dell'era riccarandiana, o il sistema presidenziale, vera follia in un contesto come quello valdostano già caratterizzato da uomini forti e da una concentrazione del potere nelle figure del Presidente della Regione, Prefetto e Presidente dell'Università. IC voleva e doveva essere un'alternativa al malgoverno dell'UV e al razzismo della Lega. Non si può tradire il mandato elettorale".
Un tradimento al quale Pulz e compagni non intendono rinunciare: "Noi crediamo ancora in questo sogno, perché la Valle d'Aosta ha bisogno di un vero rinnovamento. Non ci svendiamo per una poltrona (né per due). Cambiamento vuol anche dire staffetta generazionale, non ci stiamo a farci dettare la linea da Elio Riccarand, presente sulla scena politica fin dai tempi di Rollandin e La Torre (altri infausti protagonisti di questa fase). Quella di Riccarand non è civismo, ma vecchia e cattiva politica: in una parola gerontocrazia".
Il che non significa opposizione a oltranza: "Noi vogliamo andare al governo, per cambiare veramente, ma ci devono essere le condizioni: un gruppo consiliare più consistente e degli alleati meno impresentabili".
Guardando all'interno di Impegno civico, le conseguenze sono inevitabili: "A breve solleciteremo una convocazione degli organi di IC (GAC e Assemblea) per far rispettare le regole che ci siamo dati. Noi resteremo Impegno Civico, gli altri, se andranno al governo, possono anche chiamarsi in un altro modo".

La risposta di Bertin e Minelli
Bertin e Minelli rigettano “Le ricostruzioni effettuate nel comunicato stampa trasmesso da Daria Pulz, Carola Carpinello, Jeanne Cheillon e Alex Glarey”, che definiscono “frutto di allucinazioni e di tutta evidenza non corrispondenti alla realtà”.
E spiegano: “L'Accordo a termine per punti e il relativo Cronoprogramma che abbiamo elaborato sono una proposta di soluzione della preoccupante crisi politica regionale, che prende in carico l'esigenza manifestata da una parte consistente dell'assemblea di Impegno civico, tenutasi mercoledì scorso, che ritiene necessario e urgente portare la Valle d'Aosta fuori dalla palude in cui sta sprofondando.
Una ipotesi di accordo doverosa per una lista civica, che si è proposta come alternativa programmatica, ma che non è stata accettata dalla consigliera Pulz e da parte dei membri del Gruppo consiliare allargato, che hanno ritenuto più importante perseverare  in una linea di opposizione a prescindere, nonostante la gravità della situazione.
La proposta è stata inviata a tutti i capogruppo delle forze presenti in Consiglio, salvo la L
ega”. 

Pin It

Video Recenti

Passa in Commissione (con il voto determinante di Rete civica, il disegno di legge per trasfromare in strumento...

Category: Home
Views: 114
 

La sanità valdostana è più cara della media nazionale

Il Tavolo tecnico per la verifica degli adempimenti regionali della Sezione autonomie della Corte dei Conti ha analizzato i risultati della gestione finanziaria dei servizi sanitari regionali, per l’esercizio 2017.

Leggi tutto...

Cerca negli articoli

 

M5S-Cva: è scontro sull'approvazione del Bilancio 2018

Martedì 2 luglio, il Consiglio regionale della Valle d'Aosta è convocato in seduta straordinaria, su richiesta di un quinto dei consiglieri, per parlare di Cva.

Leggi tutto...

Cerca nei Video

 

Settore immobiliare in VdA, l'Osservatorio dipinge un quadro sconfortante

Nella mattinata di lunedì 24 giugno si è tenuta, nella sede aostana di Confindustria, la presentazione della relazione dell'Osservatorio Immobiliare Valdostano del 2019 da parte di Angelo Aresu, presidente valdostano della Federazione Italiana Agenti Immobiliari Professionisti e Roberto Nale, vicepresidente e tesoriere.

Leggi tutto...
 

Separazioni e tutela dei minori, un convegno al CSV

Venerdì 21 giugno si è tenuto al Centro Servizi per il Volontariato, al 19 di via Xavier de Maistre, il convegno Valle d'Aosta: nelle separazioni siamo tutti responsabili di pregiudizi e danni ai minori, organizzato dall'associazione Genitori separati per la Tutela dei Minori.

Leggi tutto...
 

Lega e Mouv' contrari al ddl sui 48 milioni dati da Finaosta al Casino

Al termine dei lavori della seconda Commissione del Consiglio Valle, Lega e Mouv' hanno spiegato perché sono contrari che i 48 milioni di finanziamento dati da Finaosta al Casino siano trasformati in strumento finanziario partecipativo.

Leggi tutto...
 

Convocato il Consiglio comunale di Aosta

È convocato per martedì 25, mercoledì 26 e giovedì 27 giugno il Consiglio comunale di Aosta: 35 i punti all'ordine del giorno, molti dedicati all'emergenza sicurezza al Quartiere Cogne.

Leggi tutto...
 

Chiusa la SS27 dopo incidente mortale

Intorno alle ore 16 di domenica 23 giugno, un incidente mortale si è verificato a Saint-Rhémy-en-Bosse, lungo la Strada statale 27 del Gran San Bernardo.

Leggi tutto...
 

Convocato il Consiglio comunale di Pont-Saint-Martin

Lunedì 1° luglio, alle ore 21, è convocata la seduta del Consiglio comunale di Pont-Saint-Martin. Cinque i punti previsti all'ordine del giorno.

Leggi tutto...
 

Alpine Pearls E-Tour, quando la sfida automobilistica è ecologica

Dal 4 al 10 luglio avrà luogo il primo Alpine Pearls E-Tour, una sfida automobilistica sostenibile che vedrà sette auto a propulsione elettrica impegnate in un percorso che da Cogne giugnerà fino a Bled in Slovenia.

Leggi tutto...
 

Al Tempio Valdese risuonano le note di Bach, Händel, Pergolesi e Vivaldi

Venerdì 28 giugno, alle ore 18, si terrà al Tempio Valdese di Aosta, all'11 di via Croix de Ville, una serata durante la quale il soprano Christel Marcoz, accompagnata da Alex Marjolet e Mara Palumbo all'organo, si esibirà in un repertorio tratto dalle opere di Bach, Händel, Pergolesi e Vivaldi.

Leggi tutto...
 

Prometeo 2218: al Giacosa va in scena il rapporto fra l'uomo e la scienza

Mercoledì 26 giugno, alle ore 21, al Teatro Giacosa di Aosta, al 15 di via Xavier de Maistre andrà in scena la pièce Prometeo 2218 della compagnia Nuovababette Teatro: uno spettacolo che indaga il sentimento antiscientifico a partire dal mito di Prometeo, il titano benefattore degli uomini.

Leggi tutto...
 

Convocato il Consiglio comunale di Champdepraz

Giovedì 27 giugno, alle ore 20.30, è convocato il Consiglio comunale di Champdepraz; otto i punti all'ordine del giorno della seduta.

Leggi tutto...
 

Il passato e il presente di Nus in una mostra fotografica

S’intitola Nus ieri e oggi la mostra fotografica permanente che il Comune di Nus inaugurerà sabato 29 giugno, alle ore 17, in Municipio.

Leggi tutto...
 

Famille à la montagne, a Morgex




Nell’ambito del progetto Famille à la montagne entre nature et culture, due gli appuntamenti previsti per fine giugno




Leggi tutto...
 

Convocato il Consiglio comunale di Montjovet

Giovedì 27 giugno, alle ore 18.30, si riunirà il Consiglio comunale di Montjovet: l'ordine del giorno della seduta prevede otto punti.

Leggi tutto...
 

La gestione della crisi deve tornare ai partiti

Sino a giovedì 20 giugno, la gestione della crisi politica aperta dall'uscita dlla maggiornza di Claudio Restano era stata lasciata in capo al presidente della Regione autonoma Valle d'Aosta Antonio Fosson, con un mandato esplorativo.

Leggi tutto...
 

Milleret: sono gli autonomisti a dover tener fede ai loro principi

Il leader del movimento Pays d'Aoste Souverain risponde agli autonomisti, che hanno chiesto agli indipendentisti di tener fede ai loro principi.

Leggi tutto...
 

Vigneti eroici e storici: c'è l'intesa per la salvaguardia

La Conferenza Stato-Regioni ha raggiunto l’intesa sul decreto concernente la salvaguardia dei vigneti eroici o storici.

Leggi tutto...
 

600mila euro per gli agriturismi valdostani

Giovedì 20 giugno, riapre il bando per la presentazione delle domande per ottenere contributi finalizzati all’avvio o allo sviluppo di attività agrituristiche, a valere sul Programma di sviluppo rurale della Valle d’Aosta 2014/20.

Leggi tutto...
 

Riapertura estiva delle miniere di Cogne

Dai primi di giugno sono aperte per la stagione estiva le miniere di Cogne: sarà possibile visitarle fino a ottobre, su prenotazione e con una guida abilitata; le partenze, tutti i giorni tranne il lunedì, alle ore 13.30 dalla Costa del Pino, per una durata complessiva di circa due ore

Leggi tutto...
 

Convocato il Consiglio comunale di Valtournenche

Mercoledì 26 giugno, alle ore 17.30, è convocato il Consiglio comunale di Valtournenche: sei i punti previsti all'ordine del giorno.

Leggi tutto...
 

Convocato il Consiglio comunale di Saint-Nicolas

Martedì 25 giugno, alle ore 20.30, è convocato il Consiglio comunale di Saint-Nicolas: undici i punti previsti all'ordine del giorno.

Leggi tutto...
 

Convocato il Consiglio comunale di Etroubles

Lunedì 1 luglio è convocato, alle ore 9, il Consiglio comunale di Etroubles; sette i punti previsti all'ordine del giorno della seduta.

Leggi tutto...
 

Il rap per il volontariato: una serata con gli artisti valdostani alla Cittadella

Sabato 29 giugno, alle ore 21, alla Cittadella dei Giovani si svolgerà l'evento Il rap x il volontariato, nell'ambito delle celebrazioni per il ventennale di attività del Centro Servizi per il Volontariato della Valle d'Aosta.

Leggi tutto...
 

Percussioni e ospiti d'eccellenza al Pulsation Festival a Pont-Saint-Martin

Dal 30 giugno al 6 luglio si svolgerà a Pont-Saint-Martin Pulsation Festival, rassegna di concerti organizzata dall'associazione culturale Modus.

Leggi tutto...
 

37a edizione del Rencountro di S-Alpen

Si è svolta dal 13 al 16 giugno 2019 a Saint-Christophe la 37a edizione del Rencountro di S-Alpeun nell’area verde comunale di Senin-Croux. Durante la manifestazione, come consuetudine, si sono potute degustare specialità culinarie, musica e danze di tutti i tipi spaziando tra musica tradizionale, musica dal vivo, discoteca e ballo liscio.

Leggi tutto...
 

Rising Star, l'evento di orientamento di UniVdA, al Forte di Bard

il 25 e 26 giugno 2019 presso il Forte di Bard si svolgerà Rising Star, l’evento di orientamento proposto dall'Università della Valle d'Aosta ad alcuni studenti delle scuole superiori valdostane con l’obiettivo di offrire un’esperienza di progettazione creativa a stretto contatto con i docenti dell’Università della Valle d’Aosta e con il mondo delle imprese.

Leggi tutto...
 

Nuovo sistema informatico al laboratorio analisi

Il Laboratorio analisi dell’Ospedale di Aosta Parini si è dotato di un nuovo sistema informativo (Laboratory Information System – LIS).

Leggi tutto...
 

Musei da vivere in giugno

Il Museo archeologico regionale e il parco archeologico Saint-Martin-de-Corléans propongono, in giugno, alcuni appuntamenti inseriti nella rassegna Musei da vivere.

Leggi tutto...
 

Celtica avrà un'apertura ad Aosta

Il Bosco del Peuterey in Val Veny, ai piedi del Monte Bianco, a 1.500 metri di altitudine, dal 4 al 7 luglio, farà da sfondo alla 23a edizione di Celtica Valle d'Aosta, organizzata dall’associazione culturale Clan Mor Arth – Clan della
Grande Orsa.

Leggi tutto...
 

Piccoli giornalisti ai piedi del Monte Bianco

Da quest’anno e fino al 2021, gli alunni delle scuole secondarie di primo grado dell’Istituto Valdigne Mont-Blanc di Courmayeur e di Morgex vanno a lezione di educazione ai media e giornalismo.

Leggi tutto...
 

Challand-Saint-Victor inaugurerà la nuova Éco-Salle

Sabato 29 giugno, alle ore 17.30, si svolgerà l'inaugurazione della nuova Éco-Salle sita nelle adiacenze del Municipio, in frazione Ville n. 218.

Leggi tutto...
 

Incontri informativi all’Univda

L'Università della Valle d'Aosta ha programmato tre incontri di presentazione dell’offerta formativa per l'anno accademico 2019/2020.

Leggi tutto...

Video più visti

Prosegue la trattativa guidata da Antonio Fosson con Rete civica per arrivare alla definizione di un progetto di...

Category: Politica e Amministrazione
Views: 256

La meditazione del Vangelo domenicale con il pastore valdese Paolo Ribet

Category: Religione
Views: 220

Il Comitato per l'Ordine e la Sicurezza pubblica della Valle d'Aosta si è riunito mercoledì 19 giugno,...

Category: Politica e Amministrazione
Views: 216

La registrazione integrale della conferenza stampa svoltasi, alla Questura di Aosta, sulla rapina al minimarket di via...

Category: Cronaca
Views: 214

Login Form