fbpx

Bobine

Il Consiglio Valle approva quattro mozioni

Foto Gianfranco Zanata -

Dopo un giorno e mezzo dedicato a trattare due punti (le dimissioni di Restano e la mozione di sfiducia a Baccega), il Consiglio regionale della Valle d'Aosta ha trattato una parte degli altri punti all'ordine degl giorno.

Il Consiglio Valle ha approvato quattro mozioni, le prime tre all'unanimità e la cui discussione è stata rinviata dalla scorsa adunanza.

La prima mozione, così come emendata su proposta dell'Assessore Certan, è stata presentata dal Movimento 5 Stelle per porre l'accento sul sostegno della natalità e sulla conciliazione tra lavoro e famiglia. Il testo impegna la Giunta regionale ad analizzare entro la fine del 2019 nelle competenti Commissioni consiliari le azioni in materia di politiche del lavoro, di politiche della famiglia e di istruzione da mettere in atto al fine di implementare misure concrete di articolazione delle responsabilità familiari e lavorative, per prendere in carico il problema della riduzione della natalità nella nostra regione.
Nell'illustrazione, la Consigliera Maria Luisa Russo ha sottolineato come «dal 2015 al 2018 il numero di parti nella nostra regione sia diminuito di 100 unità; le iscrizioni alla scuola d'infanzia sono diminuite di circa 350 unità in due anni scolastici. I nostri paesi più piccoli rischiano lo spopolamento. Per tutti questi motivi, riteniamo indispensabile definire, entro la fine del 2019, le azioni strutturali prioritarie, quali Assessorati e quali professionalità coinvolgere per prendere in carico il problema della riduzione delle nascite, in aggiunta alla riduzione degli oneri a carico delle famiglie per i servizi alla prima infanzia che non può essere l'unico strumento di sostegno.»
L'Assessore all'istruzione, Chantal Certan, ha risposto a nome della Giunta regionale: «Per quanto attiene all'ambito scolastico, queste tematiche sono oggetto di attenzione per mettere in atto misure più puntuali, a breve e lungo termine. Nel corso del 2019 sarà effettuata un'analisi di dettaglio sulle scuole di montagna ma anche sugli altri plessi dislocati sul territorio per valutare gli interventi a tutela delle scuole e delle pluriclassi. Anche le strutture dell'Assessorato alla sanità si stanno adoperando per il benessere delle famiglie; è in itinere l'elaborazione di piani programmatici per giungere ad un modello trasversale per i vari Assessorati, venendo incontro ai nuovi bisogni, spaziando, a titolo esemplificativo, dalle valutazioni sui cambiamenti di orario di lavoro, ai finanziamenti per i caregiver, passando dalla sfida di riuscire a mantenere donne e madri nel mondo del lavoro. Ogni Assessorato è pronto a discutere in Commissione.»

Vietare l'utilizzo del diserbante contenente glifosato
 è l'obiettivo della seconda mozione, presentata dal gruppo ADU-VdA e poi emendata su proposta degli Assessori all'ambiente e all'agricoltura. Il nuovo testo, sottoscritto anche dai gruppi M5S, RC-AC, UV, Mouv' e AV, impegna il Governo regionale a costituire nei prossimi trenta giorni un tavolo di lavoro interassessorile che coinvolga una rappresentanza degli enti strumentali dell'Amministrazione regionale, degli Enti locali nonché delle associazioni del territorio, per predisporre entro tre mesi una relazione che indichi le alternative da utilizzare rispetto all'uso dei diserbanti contenenti il principio attivo del glifosato. Lo scopo è quello di diffondere una nuova filosofia di tutela dell'ambiente e della salute, che renda partecipe l'intera comunità valdostana con le modalità che il tavolo stesso indicherà, a partire dall'illustrazione nella Commissione competente del documento al fine di evidenziare le precise azioni da mettere in campo, concordandole con tutti gli attori interessati nel più breve tempo possibile entro il 2019.
La Consigliera Daria Pulz ha espresso «grande soddisfazione per essere giunti a un accordo per la predisposizione di questo emendamento che ha permetto l'approvazione all'unanimità della nostra mozione. Presentandola, oltre a tendere alla formale richiesta di non utilizzare sul territorio regionale diserbanti contenenti glifosato, il nostro obiettivo è di concordare con tutti i Comuni, attraverso il CPEL, azioni comuni per vietare l’utilizzo, pubblico e privato, del glifosato, di cui non dimentichiamo che sarebbe stata accertata la pericolosità per la salute umana, animale e vegetale da parte di diversi team di scienziati. Sottolineiamo poi l'importanza che tutta la popolazione sia messa in seguito a conoscenza di questo divieto, ad esempio attraverso l'emanazione di un’ordinanza. Infine, a nostro avviso deve continuare a essere garantito un monitoraggio, costante e approfondito, dell’acqua e della sicurezza alimentare sul territorio regionale.»
L'Assessore all'ambiente, Albert Chatrian, riconoscendo l'importanza del tema, ha affermato: «Abbiamo convenuto di riunire subito gli attori principali per fare una fotografia di ciò che si è già fatto e di ciò che si sta facendo, in modo poi da concordare le azioni da mettere in campo. Questa nuova impegnativa racchiude il percorso da seguire, anche per giungere a nuove azioni e misure da mettere in campo. Ci assumiamo inoltre l'impegno a verificare le modalità di svolgimento dei controlli.»
L'Assessore all'agricoltura, Laurent Viérin, ha aggiunto: «La necessità di affrontare l'argomento e sensibilizzare la comunità è ancora più attuale. Questa è una proposta operativa, innanzitutto per monitorare quanto è già stato fatto, che peraltro ci segnala che la situazione valdostana è tranquilla. Tuttavia esistono situazioni ancora desuete che presuppongono azioni concrete, ad esempio per l'abbattimento dell'uso dell'ammoniaca a favore di enzimi totalmente naturali. L'idea è di lavorare sull'evoluzione delle pratiche rurali ed agricole in un'ottica di messa a disposizione delle nostre aziende delle nuove tecniche.»

Attivare le necessarie procedure per la registrazione nel Fascicolo Sanitario Elettronico delle disposizioni anticipate di trattamento (DAT) depositate, il cosiddetto testamento biologico, curando la tutela della riservatezza di tali dati e, solo in caso di incapacità di autodeterminazione del soggetto, la loro apertura da parte delle strutture sanitarie che lo hanno in cura: questo l'impegno della terza mozione, firmata dal gruppo RC-AC.
Nell'illustrazione, la Consigliera Chiara Minelli ha richiamato «la normativa vigente, secondo cui ogni persona maggiorenne e capace di intendere e di volere, in previsione di un’eventuale futura incapacità di autodeterminarsi e dopo aver acquisito adeguate informazioni mediche sulle conseguenze delle sue scelte, può, attraverso apposite DAT, esprimere le proprie volontà in materia di trattamenti sanitari, nonché il consenso o il rifiuto rispetto ad accertamenti diagnostici o scelte terapeutiche e a singoli trattamenti sanitari. Le DAT devono essere redatte per atto pubblico, o per scrittura privata autenticata, ovvero consegnate all'Ufficio di Stato civile del proprio comune di residenza. In Valle d'Aosta la norma stabilita dal CELVA in merito è complessa e, essendo gli uffici chiusi nel fine settimana, diventa impossibile l'acquisizione in caso di urgenza. Si può ovviare a questo problema con la decisione di inserire il testamento biologico nel FSE, azione che va anche nella direzione della semplificazione burocratica.»
L'Assessore alla sanità, Mauro Baccega, ha ritenuto condivisibile la mozione, assumendo l'impegno «di attivare le procedure per la registrazione nel Fascicolo sanitario delle DAT depositate, curando le dovute tutele di riservatezza, tenuto conto che il 6 giugno il Garante della privacy ha dato il via libera allo schema di decreto di inserimento nelle banche dati nazionali, individuando le modalità di interfacciabilità tra le banche dati nazionali e quelle regionali.»

In chiusura della seduta, il Consiglio Valle ha approvato, con 27 voti a favore (AV, UV, SA, PNV-AC-FV, Lega VdA, Mouv', RC-AC e GM), 4 contrari (M5S) e un'astensione (ADU-VdA), una mozione sui Vigili del fuoco valdostani.
La mozione presentata dal gruppo Mouv', così come emendata d'intesa con il Presidente della Regione, impegna il Governo regionale, entro 30 giorni, a verificare un percorso di allineamento ed equiparazione continuativa giuridica, economica e ordinamentale al personale professionista dei Vigili del fuoco e del Corpo forestale valdostano con conseguente definizione dell'onere economico e a riferire nella competente Commissione.
Il Consigliere Elso Gerandin ha osservato che «bisogna uscire con le idee chiare sul percorso da attuare, che sia quello di trasferire il Corpo valdostano dei Vigili del fuoco allo Stato o quello di attivare proposte alternative per il riconoscimento delle loro richieste. Noi non vogliamo aprire tavoli all'infinito, vogliamo un impegno preciso, con tempistiche e risorse certe. In questi mesi ci sono stati degli sviluppi, non da ultimo l'incontro del Presidente Fosson con il Sottosegretario Candiani, il quale ha osservato che spetta alla Regione tracciare la linea di percorso definitiva che sarà fatta propria dal Governo, una volta valutate tutte le dinamiche. Ieri alla Camera dei deputati, il Ministro Salvini ha annunciato che per i Vigili del fuoco ci sarà l'equiparazione dello stipendio al Corpo di Polizia. Rischiamo di essere in ritardo due volte se non abbiamo in mente il percorso da fare.»
Il Capogruppo del M5S, Luciano Mossa ha sostenuto che «per anni i Vigili del fuoco valdostani hanno chiesto di equiparare il loro sistema previdenziale e il loro trattamento economico a quelli del Corpo nazionale. Per disperazione hanno fatto un referendum, passato quasi all'unanimità, chiedendo di essere nuovamente alle dipendenze del Ministero all'interno. Vogliamo trasferire questo Corpo allo Stato o vogliamo metterci seriamente attorno ad un tavolo per affrontare definitivamente la questione? Senza contare che c'è un problema grave di strutture e di equipaggiamento che è ugualmente da risolvere. Spero vivamente che le loro proposte siano prese seriamente in conto.»
L'Assessore alle opere pubbliche, Stefano Borrello (SA) ha fatto una puntualizzazione sul ruolo dei Vigili del fuoco valdostani: «Essi fanno esattamente lo stesso lavoro dei Vigili del fuoco italiani, con lo stesso orario, le stesse peculiarità, gli stessi rischi. Chiedono quindi di essere trattati alla pari dei loro colleghi nazionali. Dal 2005 c'è stato un disallineamento nello stato giuridico, economico e contrattuale rispetto ai Vigili del fuoco italiani. La Regione ha cercato di sanare questa differenza nel 2009: qualcosa è stato fatto, altro no. Nel 2016 è stata riconosciuta una peculiarità per il Corpo forestale e per i Vigili del fuoco valdostani con la legge di bilancio, ma questo non è bastato perché il difetto è a monte. Le problematiche sono quindi di tre ordini: status giuridico, sistema previdenziale e trattamento economico. Ora c'è bisogno di una volontà politica forte per risolvere la questione.»
Il Presidente della Regione, Antonio Fosson, ha parlato di «problema serio che ci sta molto a cuore, che si trascina da molto tempo ma che deve essere risolto. L'incontro con il Sottosegretario Candiani è stato molto proficuo perché finalmente abbiamo affrontato la questione in maniera concreta. Dopo questo confronto, i limiti di questo percorso sono molto più chiari e abbiamo appurato che rientrare alle dipendenze dello Stato richiede un percorso assai complesso. Il Sottosegretario Candiani è stato preciso, evidenziando che se il Servizio antincendio passa allo Stato passa nella sua globalità, per i volontari e per i professionisti. Questo non è da poco, senza contare che cederemmo un pezzo di nostre competenze allo Stato; passaggio che deve passare necessariamente attraverso una norma di attuazione. Per il mantenimento del Corpo a livello regionale, bisogna fare una legge che modifichi lo stato previdenziale e che permetta ai Vigili del fuoco valdostani di andare in pensione come quelli nazionali. Il percorso presenta quindi due opzioni su cui bisogna assumere una decisione, confrontandoci con i Vigili del fuoco professionisti e volontari. La nostra volontà politica è quella di trattare con i Vigili del fuoco professionisti per verificare ogni possibilità affinché il Corpo rimanga in Valle d'Aosta, perché i Vigili del fuoco hanno conoscenze e competenze del territorio che sono estremamente importanti per noi e per il nostro sistema di protezione civile, insieme al grande patrimonio di sapeurs pompiers volontari della nostra Valle. Ho già scritto una lettera al Ministro degli affari regionali per verificare la possibilità di lavorare su di una legge nazionale che equipari il trattamento previdenziale con quelli nazionali. Ho chiesto al Presidente della seconda Commissione di essere audito. Ci rendiamo conto che non si possono più fare delle promesse, ma noi vogliamo intraprendere un dialogo con i Vigili del fuoco valdostani aprendo un tavolo di concertazione serio con loro.»
Il Capogruppo del M5S, Luciano Mossa, pur apprezzando il testo, ha motivato il voto contrario «perché la situazione dei Vigili del fuoco è di disperazione, e la loro richiesta è di passare al Corpo nazionale.»
Voto favorevole è stato invece annunciato dal Consigliere di RC-AC Alberto Bertin «perché la mozione va incontro alle richieste dei pompieri: l'impegno che ci prendiamo è di garantire pari trattamento per i Vigili regionali e per quelli che operano fuori regione.»
«La nostra specialità serve ad ampliare i diritti, non a restringerli - ha dichiarato la Capogruppo di ADU-VdA Daria Pulz -; il contesto è pasticciato e poco chiaro, la volontà dei pompieri e l'esito del referendum non sono stati tenuti democraticamente nella giusta considerazione. Per questi motivi, il voto sarà di astensione.»

Pin It

Video Recenti

I commenti di Paolo Rollandin e Ruggero Meneghetti rispetto alla risoluzione approvata dal Consiglio comunale di...

Category: Home
Views: 286
 

Sospetta bomba in giardino pubblico aostano

Intorno alle ore 13 di mercoledì 17 luglio, è stata segnalata la presenza di una custodia per videocamera abbandonata sulla panchina nei pressi dell’Ufficio Postale sito in via Cesare Battisti ad Aosta.

Leggi tutto...
 

Insediato l'Osservatorio antimafia del Comune di Aosta

Nel pomeriggio di mercoledì 17 luglio, la sala del Consiglio comunale di Aosta ha accolto la riunione di insediamento dell’Osservatorio comunale permanente per la legalità e la lotta alla criminalità organizzata, istitutito nel novembre 2018.

Leggi tutto...

Cerca negli articoli

 

Intervento al Tunnel del Monte Bianco

Mercoledì 17 luglio, alle ore 14:55, la circolazione all'interno del Tunnel del Monte Bianco è stata interrotta a causa dell'arresto improvviso di un pullman. 

Leggi tutto...

Cerca nei Video

 

Altri tre arresti ad Aosta per 'ndrangheta

Nella mattinata di mercoledì 17 luglio, nelle province di Reggio Calabria, Bologna e Aosta, i Carabinieri del Comando provinciale di Reggio Calabria, con il supporto dei reparti territorialmente competenti, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia di custodia cautelare in carcere nei confronti di 13 persone.

Leggi tutto...
 

Saint-Vincent ripensa il Col de Joux

Il Consiglio comunale di Saint-Vincent si è riunito nella serata di martedì 16 luglio.

Leggi tutto...
 

CSV: un incontro di presentazione dei bandi di sostegno al volontariato

Giovedì 18 luglio alle ore 18, al Centro servizi per il volontariato di Aosta, al 19 di via Xavier de Maistre si terrà un incontro dedicato ai bandi di sostegno per le associazioni di volontariato.


Leggi tutto...
 

Assistenza medica per i turisti, attivati due presidi medici a Cogne e Courmayeur

I turisti e, più in generale, i cittadini non residenti in Valle d’Aosta, in qualunque mese dell’anno e in particolare nei periodi caratterizzati da un maggiore afflusso turistico, possono rivolgersi, in caso di necessità, ad un medico di assistenza primaria (medico di famiglia).

Leggi tutto...
 

La legge sui segretari fa scontrare Cognetta e maggioranza

La seconda Commissione del Consiglio Valle, riunita nel pomeriggio di martedì 16 luglio, ha nominato i relatori di tre disegni di legge presentati dalla Giunta regionale.

Leggi tutto...
 

Movi-menti a Morgex

Tecnologia, robotica e gioco all’aria aperta, per divertirsi, fare nuove amicizie e imparare ad applicare la creatività e la fantasia nel contesto del mondo digitale.

Leggi tutto...
 

Artigianato di tradizione ad Aosta

Sono stati presentati la 51a edizione della Foire d'Éte e gli eventi estivi legati all'artigianato valdostano, fra i quali anche la 66a Mostra-concorso dell'artigianato valdostano di tradizione.

Leggi tutto...
 

Musei da vivere: le iniziative di agosto

Nel mese di agosto il Museo archeologico regionale e l'Area Megalitica di Saint-Martin-de-Corléans di Aosta hanno preparato un calendario di eventi nell'ambito del progetto Musei da vivere.

Leggi tutto...
 

Convocata la quinta Commissione consiliare

Lunedì 22 luglio, alle 9.30, si riunirà nella sala del Consiglio comunale di Aosta la quinta Commissione consiliare Controllo e Garanzia.

Leggi tutto...
 

Una ricca programmazione per la Settimana del Cervino

Dal 15 al 21 luglio la ricca programmazione della Settimana del Cervino, l'evento estivo che permetterà ai visitatori di scoprire i paesaggi della Valtournenche, condividendo esperienze sportive e culturali. 

Leggi tutto...
 

Messa al Santuario di Roccia del Mont Chétif

Venerdì 19 luglio, sul Mont Chetif, il vescovo di Aosta Franco Lovignana presiederà la Santa Messa.


 


 

Leggi tutto...
 

Con i greeters alla scoperta di Valgrisenche

Tornano, anche per l'estate 2019, i Greeters: gli ambasciatori volontari del territorio, che si mettono a disposizione degli interessati per raccontare storia, vita e aneddoti del patrimonio di Valgrisenche.

Leggi tutto...
 

Dalla Palestina alle grandi vette, un incontro con Yasmeen Alnajjar

Martedì 23 luglio alle ore 18, nella saletta dell'ex-Hotel de Londres a Châtillon, si terrà un incontro con Yasmeen Alnajjar, giovane palestinese che nonostante l'amputazione della gamba destra ha realizzato l'ascesa del Kilimangiaro e si prepara a quella dell'Everest.

Leggi tutto...
 

VélOllomont, per scoprire il territorio pedalando

Sabato 20 luglio a Ollomont si terrà VélOllomont, un evento di promozione del cicloturismo per scoprire, attraverso tre itinerari, le risorse naturali, culturali e paesaggistiche del territorio.

Leggi tutto...
 

Famille à la montagne, a Morgex

La terza settimana di luglio è particolarmente ricca di iniziative nell’ambito del progetto Famille à la montagne entre nature et culture.


 

Leggi tutto...
 

Libera Valle d'Aosta ricorda Paolo Borsellino

Venerdì 19 luglio, alle ore 18.30, alla Casa di riposo J.B. Festaz si terrà una serata per ricordare Paolo Borsellino nell'anniversario della sua morte, organizzata dall'associazione Libera Valle d'Aosta.

Leggi tutto...
 

Ai confini dell'invisibile: una serata dedicata ai buchi neri a Saint-Vincent

Venerdì 19 luglio alle ore 21, in piazza Cavalieri di Vittorio Veneto a Saint-Vincent, si terrà Ai confini dell'invisibile, una serata dedicata alle recenti scoperte riguardanti i buchi neri, in compagnia delle astrofisiche Elisabetta Liuzzo e Kazi Rygl.

Leggi tutto...
 

A Fontainemore la 9a Festa del Mirtillo

Il 20 e il 21 luglio si terrà a Fontainemore la Festa del Mirtillo, giunta alla sua 9a edizione: assieme agli altri frutti di bosco sarà protagonista indiscusso del mercatino e delle ricette che verranno proposte dalla Pro Loco.

Leggi tutto...
 

Convocato il Consiglio comunale di Ayas

Giovedì 18 luglio, alle ore 14, è convocato il Consiglio comunale di Ayas; 27 i punti all'ordine del giorno.

Leggi tutto...
 

Partono gli eventi estivi di Cva

La Compagnia valdostana delle Acque, con l'arrivo dell'estate, lancia una serie di eventi dedicati a innovazione e fonti rinnovabili legati dal tema L'energia sostenibile al servizio della comunità: prima iniziativa, l'eBiketour 2019 che percorrerà in undici tappe la Regione, a partire da Torgnon sabato 13 luglio.

Leggi tutto...
 

Enti local in assemblea

Venerdì 19 luglio, alle ore 10, si riunisce l'assemblea del Consiglio permanente degli enti locali. 

Leggi tutto...
 

A Bard di parla di erbe e novità nello sport e nel volontariato

Sono due gli appuntamenti che propone l'Associazione culturale Borgo di Bard nel mese di luglio, prima della festa in piazza del 14 e 15 agosto.

Leggi tutto...
 

Gli appuntamenti estivi della Fondazione Sapegno

Dal 12 luglio al 30 agosto la Fondazione Natalino Sapegno Onlus ha in programma ogni venerdì, alle ore 18, un incontro su un tema letterario, artistico o musicale.

Leggi tutto...
 

Cinema all’aperto a St-Marcel, Fénis e Nus

La Biblioteca intercomunale di Saint-Marcel, Nus e Fénis organizza tre serate di cinema all’aperto.

Leggi tutto...
 

Théâtre et lumières, musica classica nel cuore dell'Aosta romana

Lunedì 8 luglio, alle ore 21.30, si terrà il primo appuntamento di Théâtre et lumières, la rassegna musicale che vede protagonista il teatro romano, simbolo di Aosta romana.

Leggi tutto...
 

Valtournenche: quattro presentazioni librarie a luglio

Nel corso del mese di luglio, la Biblioteca di Valtournenche organizza quattro incontri per la presentazione di altrettanti libri.

Leggi tutto...
 

Ghiaccio fragile: cambiamenti climatici e alta montagna

Giovedì 18 luglio, alle ore 21, all'Auditorium delle Scuole elementari di Courmayeur, il geologo e studioso di montagna Gianni Boschis terrà una conferenza dedicata al tema dei cambiamenti climatici. Durante la serata sarà proiettato il docufilm B17 Mont Blanc - Missing aircraft in the glacier del regista Erik Gillo, dedicato alla vicenda del bombardiere statunitense disperso.

Leggi tutto...
 

Les Trouver Valdòten au château Passerin d'Entrèves

Mercredi 24 juillet, à 21h, les Trouvèr Valdotèn, groupe de musique traditionnelle des Alpes occidentales, s'exhiberont au château Passerin d'Entrèves, à Saint-Christophe.

Leggi tutto...
 

Châteaux en musique 2019

Prende il via, mercoledì 3 luglio, la tredicesima edizione della rassegna Châteaux en musique.

Leggi tutto...
 

Autori in vetta, Stefano Benni e Michela Marzano a Courmayeur

Anche quest'estate torna Autori in vetta, la rassegna letteraria ai piedi del Monte Bianco promossa dalla Biblioteca di Courmayeur e dal Centro Servizi Courmayeur, con un calendario ricco di incontri con gli autori.

Leggi tutto...
 

Musei da vivere: le iniziative di luglio al Museo archeologico e all'Area megalitica

Il MAR - Museo Archeologico Regionale e per l’Area Megalitica – Parco e museo archeologico di Saint-Martin-de-Corléans di Aosta, nell'ambito della nuova offerta culturale denominata MUSEI DA VIVERE, hanno previsto un programma di appuntamenti nel corso del mese di luglio 2019.

Leggi tutto...

Video più visti

I commenti di Paolo Rollandin e Ruggero Meneghetti rispetto alla risoluzione approvata dal Consiglio comunale di...

Category: Home
Views: 286

La meditazione del Vangelo domenicale con il pastore valdese Paolo Ribet

Category: Religione
Views: 221

In Italia, dopo le prove Invalsi, è esplosa la polemica sul livello della scuola. Il nuovo Sovrintendente agli...

Category: Politica e Amministrazione
Views: 218

Il procuratore della Corte dei Conti, sull'indagine relativa alla concessione di un mutuo da Finaosta alla Cioccolato...

Category: Politica e Amministrazione
Views: 190

Login Form

 

Pirovano accusata di furto aggravato

Monica Pirovano, amministratore delegato della Cogne Acciai Speciali è stata denunciata in stato di libertà per furto aggravato.

Leggi tutto...
 

Altro alpinista in un crepaccio: salvo

Intervento del Soccorso alpino valdostano sul Gran Paradiso, a quota 3.200 metri (versante Rifugio Chabod) nel pomeriggio di domenica 14 luglio, per il recupero di un alpinista in crepaccio.

Leggi tutto...
 

Aggressione con coltello in centro ad Aosta

Nella serata di domenica 14 luglio, la Centrale operativa dei Crabinieri di Aosta ha ricevuto una richiesta di intervento in centro per una lite scoppiata tra due soggetti.

Leggi tutto...
 

Morto Don Antonio Bizzotto

Lunedì 15 luglio, alle ore 8 è morto all'ospedale Umberto Parini di AOsta, don Antonio Bizzotto, parrocco di Saint-Germain in Montjovet dal 1965 al 2018. A partire dal 1972 resse anche la parrocchia di Emarèse.

Leggi tutto...